Ordini Telefonici Numero Verde 800149685

Cavatelli artigianali con vongole veraci e cavolfiore romano



 Ecco la nuova ricetta nata dalla collaborazione tra:

 gustobi 

           &

 Petrusina

Per la mia ricetta ho utilizzato dei cavatelli artigianali di altissima qualità, prodotti con semola di grano duro proveniente da agricoltura Micorizzata e a lenta essicazione.

 

Qualcuno magari si starà chiedendo cos'è l'agricoltura Micorizzata. Detto con parole mie la micorizzazione è una tecnica agricola di fertilizzazione del terreno che consiste nel concimare naturalmente utilizzando le micorrize, microrganismi che vivono all'interno delle radici delle piante.

Si crea in questo modo un ambiente molto positivo per i semi e, man mano crescono le piantine, le loro radici vengono protette dai microrganismi presenti nel terreno, e si nutrono anche delle loro sostanze minerali.

Questa tecnica permette di ottenere un prodotto più sano e di altissima qualità.

Il fatto che sia a "lenta essicazione" arricchisce ulteriormente questo prodotto. La lenta essicazione a basse temperature, consente alla pasta di mantenere inalterata la sua struttura proteica e quindi di conservare la consistenza durante la cottura e la mantecatura in padella.

Per utilizzare al meglio questi Cavatelli eccellenti ho pensato ad una ricetta che racchiudesse sapori del mare e della terra, un connubio di gusti che non avevo mai provato prima e che devo dire si sposano benissimo.

 

Ingredienti:

400 gr di cavolfiore romano

500 gr di vongole veraci 

2 peperoncini

2 spicchi d'aglio

2 bicchieri di vino bianco

sale, pepe

olio evo

3 acciughe

2 peperoni cruschi

 

Preparazione:

Pulire il cavolfiore e bollirlo per 6/8 minuti. Scolare e tenere da parte l'acqua di cottura, la si utilizzerà dopo per cuocere i cavatelli. 

DSCN8339 copy

In una padella preparare un soffritto con olio extra vergine d'oliva, uno spicchio d'aglio, un peperoncino e le acciughe. 

DSCN8340 copy

Aggiungere il cavolfiore e aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura.

DSCN8342 copy

Pulire e lavare le vongole. In una padella preparare un'altro soffritto con olio evo, un peperoncino e uno spicchio d'aglio e aggiungere le vongole. Coprire con il coperchio e lasciare che si aprano. Conservare e filtrare l'acqua che avranno creato le vongole.

DSCN8343 copy

Sgusciare gran parte delle vongole e conservarne qualcuna con il guscio. 

Frullare metà cavolfiore aggiungendo un po' di acqua delle vongole e unire ai cavolfiori e alle vongole.

DSCN8344 copy

Cuocere i cavatelli nell'acqua di cottura del cavolfiore, scolare molto al dente e terminare la cottura in padella con il sugo preparato.

Servire bella calda con una spolverata di peperoni cruschi sbriciolati.

DSCN8345 copyDSCN8350 copy

Con questi cavatelli abbiamo bevuto un vino bianco dal gusto fruttato fresco e delicata, "Il Preliminare" - Cantine del Notaio -. Un vino che nasce dal felice connubio di quattro vitigni del territorio, l’Aglianico, lo Chardonnay, il Moscato e la Malvasia che concorrono a crere un vino bianco assolutamente originale.

Per chi non li conoscesse, i peperoni cruschi, detti anche peperoni di Senise, sono tipici della Basilicata. Si tratta di peperoni dolci, infilati nelle tradizionali ghirlande, essicati al sole e fritti. Vengono serviti spesso come snack, al posto delle classiche patatine fritte e vengono usati anche in cucina per condire alcuni piatti, o ad esempio sbriciolati su un buon piatto di pasta fumante.


A crudo su questo piatto di pasta ho utilizzato un 
olio Pugliese dal sapore non troppo forte ma deciso, ideale per impreziosire a crudo qualsiasi tipo di piatto.

 

Alla prossima ricetta...non ci resta che augurarvi buon appetito da:

Petrusina

                    &

gustobi


Commenti